Italian

Credi che naturale sia sinonimo di sicuro? Bene, ripensaci!

C’è una tendenza crescente a utilizzare prodotti “naturali” in diversi campi, come ad esempio cosmetici naturali, prodotti naturali per la cura della casa e della persona, integratori naturali, ecc. Ora, le ragioni alla base del successo di questo tipo di prodotti potrebbero essere molteplici e in realtà alcuni di essi non sono male, ma c’è una cosa che mi lascia sempre perplessa e, a dire il vero, infastidisce: molti di questi prodotti sono etichettati come “privi di sostanze chimiche” … e questa è semplicemente la più grande pubblicità ingannevole di sempre! In realtà possiamo tranquillamente definirla una grossa bugia.

Prima di tutto, di solito questi prodotti sono a base di acqua e l’acqua ovviamente è un composto chimico e, per farla breve, anche tutti gli altri ingredienti sono composti chimici. Ora, non siamo così pignoli e diamo per scontato che si intenda che questi prodotti siano privi di sostanze chimiche nel senso che non contengono alcun composto sintetizzato in laboratorio. Quindi, tutti gli ingredienti di questi prodotti provengono (in teoria) da fonti naturali. Siamo davvero sicuri che questo faccia bene a noi o all’ambiente? Questa domanda non ha una risposta universale e dovremmo piuttosto analizzare caso per caso. Tuttavia, quello di cui vorrei parlare con voi oggi è che di solito ciò che è naturale è percepito come sicuro e, beh, questa è un’altra assunzione errata.

Concentriamoci ora sulle molecole organiche, cioè quei composti basati su uno scheletro di atomi di carbonio. In queste molecole, i carboni (e gli atomi di pochi altri elementi) sono legati insieme in certi modi. Le combinazioni possibili sono innumerevoli e quindi abbiamo tante molecole diverse. Il modo in cui gli atomi sono legati insieme e il modo in cui i legami sono disposti nello spazio determinano il modo in cui i composti interagiscono con altre molecole e, in definitiva, la loro azione sulle cellule e sugli organismi. Gli effetti dipendono dal fatto che una molecola con una struttura specifica sia sintetizzata in laboratorio o da una pianta (o da qualsiasi altro organismo)? La risposta è semplicemente no. In realtà, per essere precisi, le sostanze chimiche di sintesi sono generalmente molto più controllate e soggette a normative più severe di quelle ottenute da fonti naturali. Ancora una volta non si possono fare generalizzazioni, ma è importante capire che spesso c’è un pregiudizio infondato nei confronti di ciò che viene percepito come “chimico” (vedere: “chemofobia”) e una altrettanto ingiustificata cieca fiducia verso tutto ciò che viene percepito come “naturale”.

Ancora convinti che naturale significhi sicuro? Dobbiamo considerare un altro aspetto: molte delle sostanze più letali sono di origine naturale e molti prodotti naturali sono tossici per l’uomo.

Stricnina

La stricnina è un composto presente nei semi della pianta Strychnos nux-vomica e in altre piante dello stesso genere. Questo composto è altamente tossico se iniettato, inalato, ingerito o assorbito attraverso le mucose [1]. Agisce sul sistema nervoso centrale. I sintomi di solito iniziano 15-30 minuti dopo l’ingestione e includono violente convulsioni e spasmi dei muscoli del corpo a partire dalla testa e dal collo. Le convulsioni progrediscono e aumentano di intensità e frequenza fino a che la spina dorsale si inarca continuamente (questo può avvenire senza perdita di coscienza) e fino alla morte per asfissia, entro 2-3 ore dall’esposizione [1]. Gli effetti tossici della stricnina sono noti fin dall’antichità in Cina e in India [1]. Documenti storici indicano che è stata utilizzata per uccidere cani, gatti, ratti e uccelli in Europa già nel 1640 e ci sono numerose testimonianze dell’uso di questo composto o dell’estratto vegetale per scopi criminali [12]. Forse non è un caso che molti scrittori di romanzi gialli, come ad esempio Agatha Christie, fanno sì che gli assassini usino proprio questo veleno [3].

Coniina

Quando il filosofo greco Socrate fu condannato a morte, egli ha dovuto bere una dose di veleno (pharmakon) che conteneva, tra le altre piante, la cicuta. Questa pianta, Conium maculatum, appartenente alla famiglia delle Apiaceae (a cui appartengono anche carote, sedano e prezzemolo) contiene l’alcaloide tossico coniina. La coniina agisce sul sistema nervoso centrale (sebbene i meccanismi siano diversi da quelli della stricnina) e porta alla morte per paralisi respiratoria [5]. I sintomi di intossicazione sono ancora una volta piuttosto raccapriccianti e spesso non includono l’incoscienza [56].

Batracotossina

Le piante non sono gli unici organismi che producono composti tossici. La batracotossina è un alcaloide steroideo estremamente velenoso cardio- e neurotossico che si trova in alcune specie di coleotteri, uccelli e rane (come suggerisce il nome, poiché bátrachos è il greco antico per rana). Ci sono, in realtà, diversi alcaloidi strutturalmente correlati chiamati collettivamente batracotossine. Alcune specie di rane dai colori sgargianti originarie del Centro e Sud America hanno una copiosa quantità di questo composto sulla pelle e sono quindi tra quelle utilizzate per avvelenare i dardi [7]. Sembra che le batracotossine presenti sulla pelle delle rane siano probabilmente derivate dalla loro dieta, in particolare dagli insetti [8]. Questi ultimi non le producono da zero, ma usano molto probabilmente i fitosteroli delle piante come scheletro di partenza che viene modificato da loro o da microrganismi simbionti per dare le batracotossine [9].

Stricnina, coniina e batracotossina sono solo alcuni esempi di prodotti naturali che non sono esattamente sicuri. L’elenco delle molecole naturali tossiche è lungo e, come si può già vedere, non include solo composti di origine vegetale, e inoltre non include solo composti a basso peso molecolare (probabilmente avrete sentito parlare della tossina botulinica, che è una proteina).

Non bisognerebbe mai dare per scontato che naturale sia sinonimo di sicuro!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s